MENU
Home
king’s chamber pyramid | into the graet pyramid | inside of pyramids in ancient egypt

Great Pyramid Explanation inside of pyramids in ancient egypt | cheops pyramid grand gallery | cheops egypt Home

Home

Questo sito è stato attivo per diversi anni fino a raggiungere l’attuale modesta media di 1000 visitatori/mese.

Non sono riuscito tuttavia ad ottenere gli obiettivi che mi ero prefisso, per cui vedrò di modificarne radicalmente il contenuto (siamo a marzo 2018).

Mi ripresento: mi chiamo Efrem Piccin, sono ingegnere, ex insegnante di fisica in quel di Genova, adesso in pensione.

Non so per quale ragione, ma a suo tempo sono stato folgorato a proposito dei misteri che la Piramide di Cheope sa offrire ai curiosi di tutto il pianeta.

In particolare ciò che mi affascina è l’incomprensibile complessità della sua struttura interna.

Da quando Napoleone è passato di qui è già trascorso molto tempo, ben più di un secolo, ma il fascino per le piramidi è stato forse il frutto più notevole della sua impresa.

In tutto questo tempo appassionati, studiosi e scienziati si sono scervellati per risolvere il puzzle e riuscire a comprendere il perché dei corridoi in salita, lo scopo delle stanze presenti, la funzione dei grandi monoliti, alcuni in calcare, altri in granito, che sono dislocati all’interno e all’esterno della struttura, più tutte le altre anomalie, spesso poco conosciute, che stanno sparse un po’ ovunque.

In realtà, negli anni, sono state avanzate molte opzioni ma, secondo me, sono tutte poco convincenti, descrivendo scopi parziali, spesso incongrui fra di loro, mai collegati da un unico filo, per cui si avverte l’assenza di una soluzione logica, generale e coerente.

Siccome sono un tipo curioso e cocciuto, ho voluto cimentarmi anch’io nell’impresa, fantasticando e cullandomi nel mistero che tutti ci affascina.

A dire il vero, a suo tempo ho avuto una buona idea di partenza e ho poi cercato di scoprire se, nella realtà, esistevano elementi concreti tali da supportarla.

All’epoca non conoscevo nulla dell’interno della piramide ed ero molto ignorante, ma, come vi ho detto, sono testardo.

Mi sono dedicato allora a questo studio, utilizzando tutte le risorse disponibili e, nel tempo, ho accumulato una gran quantità di dati e informazioni tali da confortarmi a proposito della mia ipotesi.

In breve: sono convinto di essere approdato ad una soluzione globale e convincente, al punto da aver scritto un libro che ho intitolato “Hemiunu l’architetto”.

Per alcuni anni ho utilizzato questo sito per incuriosire i lettori ed invogliarli all’acquisto del libro in questione.

Un amico volenteroso me lo ha anche tradotto in inglese, per cui, trasformato in un e-book (great pyramid explanation), è da tempo disponibile anche su Amazon.

Non è che non abbia venduto delle copie (sempre troppo poche) ma non sono riuscito ad ottenere quella visibilità nella quale confidavo per avviare una modesta ricerca da realizzarsi all’interno della piramide.

Giustamente, le autorità locali si guardano bene dall’assecondare le indicazioni dei non professionisti, però, sono assolutamente convinto della bontà dei miei argomenti e non so rassegnarmi al naufragio del mio progetto.

Avrei dunque bisogno di un robusto sostegno, magari ottenuto tramite il consenso dei miei lettori.

Facile a dirsi ma maledettamente difficile da ottenersi nella realtà.

Il mio libro, anche se tecnicamente è molto esaustivo, richiede tuttavia tanta buona volontà da parte dei lettori perché è complicato e necessita anche di un minimo di competenze scolastiche, almeno pari a quelle di un buon diploma tecnico.

In effetti, dopo le prime cinquanta pagine, moderatamente discorsive, quando affronto la descrizione della grande galleria e il suo funzionamento, spesso i lettori abbandonano l’impresa.

Non è un libro sui generis: non è minimamente comparabile con gli altri innumerevoli testi che trattano lo stesso argomento.

Ho la pretesa di aver scritto un libro molto tecnico, dove propongo delle soluzioni solide dal punto di vista ingegneristico, ma è un testo da studiare lentamente, con molta pazienza e non si presta ad essere letto comodamente appoggiati ad un cuscino, magari prima di dormire.

Siccome ho anche una certa abilità per i lavori manuali, ho realizzato a casa, con infinita pazienza, diversi disegni e modelli in legno che ho poi utilizzato per scattare numerose foto che possono diventare delle quasi-animazioni se osservate in rapida successione.

Tutto questo materiale stava (ed è ancora) raccolto in una photo-gallery presente nel mio sito.

Questi 400 elementi, per questioni logistiche, sono stati raggruppati in sei tranches compresse, tali da poter essere facilmente scaricate sul computer di qualunque amatore.

All’inizio ero molto geloso a proposito di tutto questo materiale: temevo di venire derubato delle idee e anche se tutt’ora temo i corvi vanitosi, mi sono convinto che se voglio ottenere qualcosa in un tempo ragionevole, dovrò rassegnarmi e mostrare a qualcuno le mie belle penne…

Ecco allora l’idea finale: anziché creare per il mio lavoro un lento stillicidio in attesa di un editore serio, sacrificherò gli improbabili proventi di queste auto-pubblicazioni ed offro qui, gratis e a tutti, il mio libro in italiano ed in inglese pubblicando il tutto in questo sito attualmente molto rimaneggiato ed ampliato allo scopo.

Mi illudo che gli appassionati (spero molti) sapranno affrontare con pazienza e buona volontà le mie spiegazioni, controllando puntualmente gli elementi descritti con le foto allegate.

Abbiate fiducia, non sono un visionario: le spiegazioni sono complesse ma assolutamente tecniche e razionali.

Qualsiasi persona curiosa e dotata di un minimo di competenze scientifiche, potrà affrontare gli argomenti descritti e condividere (spero) le mie argomentazioni.

Nel caso, aiutatemi a reclamizzare questo lavoro onde ottenere quel minimo di visibilità nel settore che mi necessita per poter raggiungere l’obiettivo che descrivo nell’ ultima pagina del libro.

 

Grazie: Efrem Piccin.